Lo scorso 4 maggio, il ministro dell’Industria e delle PMI tunisino Salah Ben Youssef ha avuto un incontro virtuale con le aziende italiane presenti nel Paese. Il ministro ha voluto fare il punto della situazione delle attività produttive italiane.

lorenzo fanara
Amb. Lorenzo Fanara

La videoconferenza, tenutasi nel primo giorno di de-confinamento parziale e progressivo della Tunisia, è stata organizzata dall’Ambasciata d’Italia in Tunisia, insieme alla Camera di Commercio Italo-Tunisina. Presente anche la direttrice dell’ICE di Tunisi, Donatella Iaricci.

In questa occasione, l’Ambasciatore italiano Lorenzo Fanara ha garantito al ministro tunisino il contributo delle aziende italiane alla ripresa del Paese africano. Più di 800 aziende italiane in Tunisia si sono impegnate a riavviare la produzione nel pieno rispetto dei requisiti sanitari previsti dalla legge tunisina per la tutela dei lavoratori.

tunisia
L’Ambasciata italiana a Tunisi

Per favorire il successo delle imprese italiane nel Paese, Fanara ha inoltre segnalato al ministro Ben Youssef la necessità da parte delle istituzioni tunisine tutelare il rispetto della legalità, procedure amministrative trasparenti e maggiore facilità di accesso al credito.

Da parte sua, il ministro tunisino ha assicurato la piena disponibilità a tutelare gli operatori economici italiani, assicurando il suo intervento diretto per facilitare la ripresa delle attività produttive. “Sarà necessario trovare un nuovo modo di lavorare per superare la crisi generata dalla pandemia”, ha detto.

La partnership economica con l’Italia è molto importante per il governo tunisino e lo stesso ministro Ben Youssef ha ribadito il suo impegno affinché la trasparenza delle procedure possa essere garantita in questa nuova fase.

italia tunisia