La Russia sta puntando sempre più sul Made in Italy e a rafforzare i legami economici e commerciali con l’Italia. L’interscambio tra i due Paesi è fortemente consolidato e gli investimenti reciproci, in questo periodo di pandemia, hanno dato prova di grande resilienza. D’altro canto, l’amore dei russi per il nostro Paese, per la nostra lingua, la nostra cultura e la gastronomia non è mai passato inosservato. Sono molti i turisti che visitano l’Italia ogni anno e tanti anche gli studenti che giungono qui per studiare l’arte e la musica italiana.

Russia
Sede dell’Ambasciata d’Italia a Mosca

Nonostante le difficoltà politiche degli ultimi anni e la crisi pandemica, nessuna azienda italiana ha lasciato la Russia. La solidità del rapporto con l’Italia è data soprattutto dalla complementarietà dei due sistemi economici: la Russia è ricca di materie prime e l’Italia è la seconda manifattura europea. Ciò rende il nostro Paese uno dei principali partner commerciali della Federazione russa. Nel 2019, l’interscambio ha superato i 22 miliardi di euro e l’export italiano oltre 9 miliardi. Quinto esportatore per 8,9 miliardi di euro e con una quota di mercato pari al 4,4%, l’Italia potrebbe sfruttare molte opportunità, grazie anche alla scommessa del governo russo di diversificare l’economia e scegliere una politica di sostituzione di importazioni per ridurre la propria dipendenza dalle materie prime.

Italia paese ospite d’onore al Forum economico di San Pietroburgo (2016)

Per le imprese italiane, dunque, investire in Russia potrebbe rappresentare un’ottima scelta, dal momento in cui l’elevato know-how tecnologico delle aziende italiane le rende particolarmente attrattive per i produttori russi. Bisognerebbe puntare non solo al Made in Italy, ma anche, e soprattutto, al Made with Italy, creando delle joint-venture con partner locali: negli ultimi tre anni le imprese italiane hanno ottenuto commesse per oltre 6 miliardi. Grazie anche alle zone economiche speciali, ai contratti speciali di investimento, ai parchi tecnologici industriali e a svariate misure di stimolo dell’economia, la Russia è una meta promettente per gli investitori italiani.

download
Evento fieristico “Innoprom”

Un appuntamento importante per rafforzare i rapporti bilaterali tra due Paesi sarà sicuramente la fiera INNOPROM, sull’innovazione industriale, che si terrà dal 6 all’8 luglio e di cui l’Italia sarà paese partner (prima volta per un paese europeo). Oltre 50 aziende e circa 20 start-up italiane, sostenute da ICE Agenzia e dall’ Ambasciata d’Italia nella Federazione Russa, parteciperanno all’evento.