afrofashionweek3 1

Milano è di nuovo sotto i riflettori. La capitale della moda italiana ha accolto e raccontato, nella frenetica settimana passata, il mondo del fashion e del Made in Italy, in una chiave sempre più diverse e inclusiva. La Milano Fashion Week è infatti tornata in presenza, con un vasto corollario di eventi, sfilate ed incontri.

Dal 22 al 26 settembre nella città è andata in scena la sesta edizione della Afro Fashion Week, evento che continua a smuovere i confini che per anni hanno circoscritto il mondo della moda a pochi continenti. La Afro Fashion Week, promossa dalla Afro Fashion Association, si è svolta in concomitanza con la Milano Fashion Week poiché entrambe accomunate dallo stesso denominatore: le tematiche sociali e il quelle ecologiche.

Fab 5. We are made in Italy” è stato uno degli eventi di apertura. Istituito nel febbraio 2021 – grazie alla stretta collaborazione tra Stella Jean, unica donna nera nella Camera della Moda Italiana, Edward Buchanan e Michelle Francine Ngomo, capo della Afro Fashion Association – il progetto si propone di affermare gli stilisti BIPOC, Black Indigenous People of Color, nel mondo della moda Made in Italy.

milano fashion week

Quest’anno “Fab 5. We are made in Italy” è stato interamente dedicato al mondo femminile. Le partecipanti BIPOC sono state cinque, dalle radici ancorate ad altrettante nazioni differenti: Cuba, Togo, Haiti, India e Marocco.

Sheetal Shah, Nyny Rike Goungou, Romy Calzado Celda, Zineb Hazim e Judith Saint Germain sono state portavoce della necessità di una maggior inclusività, nonché del riconoscimento di quel valore aggiunto che la creatività BIPOC potrebbe apportare al sistema.

Per i giovani stilisti emergenti BIPOC, rigorosamente scelti dalla Afro Fashion Association, è stato ideato il progettoBeyond Mitumba – Unveiling the Unseen”. La parola “Mitumba” si riferisce ad una pratica largamente diffusa nei paesi in via di sviluppo e cioè la rivendita di abiti usati provenienti dall’occidente. Il continuo flusso delle masse tessili crea involontariamente delle discariche di tessuti, che però non hanno degli sbocchi adeguati.

Il circolo è vizioso: oltre a portare ad esiti negativi per quanto riguarda l’inquinamento ambientale, finisce per inibire l’imprenditoria della moda locale. “Beyond Mitumba – Unveiling the Unseen” è dunque un progetto volto alla promozione del riciclo tessile, che ha portato in campo tematiche complesse e che spesso e volentieri sono “unseen”. Questa Fashion Week è stato il punto di incontro perfetto tra inclusione e temi ambientali.