Sin dal 2016, la Croce Rossa Italiana sostiene la Mezzaluna Rossa in Kirghizistan nello sviluppo del progetto “Costruire la resilienza delle comunità attraverso l’empowerment delle donne”.

croce rosssa kirghizistan
Il progetto della Croce Rossa in Kirghizistan

Il progetto, spiega la CRI, risponde ai bisogni di una fetta di popolazione particolarmente vulnerabile e generalmente relegata ai margini della società, come madri single, vedove, donne e ragazze rifugiate o migranti. Il sostegno avviene attraverso l’accesso accesso gratuito a corsi di cucito professionale, di conoscenze di base in tema di bilancio familiare e di imprenditoria, e una formazione su stili di vita sani, prevenzione delle malattie trasmissibili e non, primo soccorso e prevenzione della violenza di genere.

Il progetto, che nella sua fase iniziale veniva realizzato in due province del Kirghizistan, grazie anche al costante supporto della Croce Rossa Italiana è cresciuto fino ad espandersi ad otto: Bishkek, Osh, Naryn, Batken, Jalal-Abad, Karakol, Talas e Tokmok.

A Bishkek, l’insegnante Aigul trasmette alle partecipanti la sua passione per la sartoria insegnando a cucire borse, pantaloni e gonne.

croce rosssa kirghizistan3

Le studentesse provengono dai background più diversi, ma qui tutti terminano il corso e imparano a cucire”, racconta Aigul. “Ogni giorno le mie studentesse fanno un passo avanti, imparano un punto nuovo, o una nuova tecnica di cucito, finché non sono in grado di realizzare pantaloni, gonne e borse. Gli abiti da loro creati vengono poi consegnati a persone vulnerabili che approcciano la Mezzaluna Rossa in occasione delle distribuzioni di vestiti che avvengono una volta alla settimana. Le borse, invece, vengono vendute a colleghi, conoscenti delle studentesse e volontari della Mezzaluna Rossa e con il ricavato riusciamo a sostenere altre attività in ambito sociale della nostra società nazionale”.

Il settore della sartoria è molto sviluppato in Kirghizistan e grazie agli ottimi risultati ottenuti dal progetto ormai diverse aziende manifatturiere contattano direttamente la Mezzaluna Rossa per offrire un lavoro alle studentesse a conclusione del corso di cucito e primo soccorso, avviandole così a un percorso di emancipazione sociale ed economica.

Non solo sartoria, le studentesse coinvolte nel progetto partecipano anche a un corso di primo soccorso, ricevendo un certificato: “Una studentessa che ha completato il corso due settimane fa – racconta Aiugul – ha già messo in pratica gli insegnamenti ricevuti salvando letteralmente la vita a una persona. Siamo molto felici.

croce rosssa kirghizistan

La Croce Rossa Italiana lavora assieme alla Mezzaluna Rossa del Kirghizistan per sviluppare una strategia che permetta la sostenibilità del progetto stesso e che quindi garantisca una ownership ancor più locale del programma.

Allo stesso tempo, CRI è impegnata nella ricerca di occasioni di partenariato con altri attori della società civile affinché il proseguimento delle attività sia garantito senza interruzioni. Tramite il sostegno finanziario e tecnico della Croce Rossa Italiana, attraverso questo progetto la Mezzaluna del Kirghizistan ogni anno riesce a supportare circa mille donne e ragazze con l’accesso ai corsi. Oltre ai beneficiari diretti del progetto, sono circa 5000 le persone vulnerabili che beneficiano indirettamente delle attività, come, ad esempio, i familiari delle donne e ragazze che partecipano alle attività, così come le loro comunità di appartenenza.