Lo scorso gennaio l’Ontario Teachers’ Pension Plan Board, il fondo pensione degli insegnanti dell’Ontario gestore di un portafoglio di 200 miliardi di dollari, ha siglato un accordo per acquisire il 69% di Società Gasdotti Italia (SGI).

società gasdotti italia

Società Gasdotti Italia è il secondo maggiore operatore nel settore del trasporto del gas naturale in Italia, con una rete estesa per oltre 1700km di metanodotti in alta pressione diffusi in 9 regioni italiane. Di recente, la società SGI ha sviluppato i gasdotti San Marco-Recanati e Larino-Chieti e la rete di trasmissione di gas naturale in Sardegna insieme a Snam.

Il Fondo ha rilevato la quota di Società Gasdotti Italia dall’australiana Macquarie Infrastructure and Real Assets (MIRA), che aveva acquisito a sua volta il fondo nel 2016 in consorzio con Swiss Life, che rimane tuttora proprietario del 30% della società.

Con questo investimento il Fondo si inserisce in un settore dinamico e innovativo, con importanti ricadute in termini di sostenibilità ambientale. L’obiettivo è quello di contribuire alla transizione verso fonti rinnovabili come idrogeno verde e biometano, nel contesto dell’impegno europeo e italiano verso la decarbonizzazione.

angeloni-societa-gasdotti-italia
Lorenzo Angeloni, Direttore Generale del MAECI per la Promozione del Sistema Paese

Grazie alla sua posizione geografica e ad una vasta infrastruttura del gas, l’Italia potrebbe rappresentare un modello di riferimento in materia” afferma Lorenzo Angeloni, Direttore Generale del MAECI per la Promozione del Sistema Paese. “Secondo la Fondazione Ambrosetti, l’Italia ha le potenzialità per divenire un hub per l’energia pulita nell’intera eurozona, producendo l’idrogeno verde dall’energia solare ed eolica e importandolo dal Nord Africa ad un prezzo del 10-15% inferiore al costo di produzione locale”.

L’investimento risulta essere quindi in linea con le future tendenze del mercato: secondo uno studio condotto da Snam e Fondazione Ambrosetti, entro il 2050 l’idrogeno potrebbe raggiungere un livello di penetrazione del 23% nel mix energetico italiano.